Home Cultura MARIA CALLAS APRE OGGI A VERONA UNA MOSTRA OMAGGIO

MARIA CALLAS APRE OGGI A VERONA UNA MOSTRA OMAGGIO

written by redazione 11/03/2016
Maria Callas

Maria Callas apre aggi a Verona una mostra omaggio

Apre oggi a Verona The Exibition, la prima grande mostra dedicata alla Divina Callas: un riconoscimento alla carriera iniziata proprio 69 anni fa all’Arena di Verona quando il 2 agosto del 1947 debuttò con con la Gioconda di Amilcare Ponchielli. Un viaggio dunque a tutto tondo nella vita dell’artista, con 14 ricchissime sezioni che ne ripercorrono la carriera e la vita privata. La mostra, in anteprima mondiale prodotta e organizzata da Arthemisia Group, resterà aperta al Museo Opera fino al 18 settembre e poi inizierà il suo tour internazionale, da Atene a New York, da Parigi a Città del Messico. Accompagnati dalla voce della Callas vedrete filmati d’epoca, interviste, foto, oggetti a lei appartenuti, documenti, abiti e gioielli del tutto inediti, provenienti da archivi nazionali e internazionali e dallo stesso archivio personale di Maria Callas. Una delle sezioni, per l’esattezza la otto, è dedicata alla Callas icona di stile.

Il rapporto della Callas con gli abiti ecco la sezione dove trarre ispirazione

Sezione 8 – Icona di stile
Se le critiche alle performances vocali di Maria Callas sono tra il 1947 e il 1953 quasi sempre entusiastiche, i commenti sul suo aspetto estetico sono spesso sgradevoli. La Callas, con i suoi quasi 100 chili per 1 metro e 73 di altezza non è esattamente un cigno. Nell’estate del 1952 un critico, con assoluta mancanza di tatto, commentando la sua performance nell’Aida all’Arena di Verona, scrive:  “Impossibile notare la differenza tra le zampe degli elefanti e quelle di Aida”.
Tra l’estate del 1952 e la primavera del 1954 decide quindi di perdere 35 chili, trasformandosi dalla grassa cantante in un’icona di stile ed eleganza dalle sembianze divine. Questa trasformazione estetica coincide con la sua trasformazione artistica: ora a fare da supporto alla sua incredibile voce c’è anche il grande lavoro interpretativo che veicola attraverso il proprio corpo. Una crescita alla quale contribuiscono nel tempo anche grandi registi come Luchino Visconti e Franco Zeffirelli, con i quali sviluppa oltre ad una solida collaborazione anche una profonda amicizia.
Sarà però il legame tra Maria Callas e la sarta milanese Biki a consacrarla regina di eleganza, fino ad essere riconosciuta nel 1957 come la donna più elegante del mondo. Dall’apparizione nel 1954 della “nuova” Callas, magra, elegante e raffinata, e con l’aiuto della sarta Biki e di suo genero Alain Reynaud, ed in seguito di grandi couturier come Dior e Saint-Laurent, la Callas diventa un fenomeno di costume da imitare e idolatrare. Tra fotografie e giornali da lei personalmente custoditi spicca la cura con cui ha conservato il negativo di uno dei leggendari scatti, certamente quello più iconico, realizzati da Jerry Tiffany a New York per un servizio della casa discografica EMI nel 1958, che mette in evidenza ogni dettaglio del volto. Nelle sue pupille si legge con maggiore chiarezza rispetto alle stampe il riflesso del fotografo che la sta immortalando ed è inoltre possibile capire che sino ad oggi l’immagine è stata stampata al contrario, con lo sguardo rivolto verso destra (il negativo ci ha invece svelato che gli occhi della Callas guardavano a sinistra). L’unico servizio fotografico completo custodito dalla Callas è però quello realizzato l’11 aprile 1959 nelle sua casa milanese da Milton Greene, come regalo per il decimo anniversario di nozze con Meneghini, nel quale la cantante diventa intensa, struggente, vera come forse, in quegli anni, non è mai stata. La donna prevale sulla cantante e sulla diva, in una visione inedita che di lì a poco avrebbe ribaltato tutte le scelte artistiche e personali della sua vita.

02_Maria Callas nella sua casa milanese seduta al pianoforte, con il candelabro donatole dal teatro alla Scala, 1955 03_Bozzetto originale di BIKI (Alain Reynaud) per l'abito da concerto indossato da Maria Callas ad Amburgo il 25 ottobre 1973maria callas05_Alberto Savinio, Costume per Armida di rossini, atto II e III, Firenze, Maggio Musicale Fiorentino07_Collier comprato da Maria Callas e indossato per Il Trovatore di Giuseppe Verdi, Mexico City 195112_Maria Callas e il padre a New York nel 1945, da Epoca, 13 gennaio 195714_Maria Callas in camerino si prepara ad interpretare il ruolo di Lady Macbeth, Milano 7 dicembre 1952. Foto Farabola17_Maria Callas nella sua casa milanese per il servizio I Vestiti della Callas, da Grazia 1 giugno 1958. Fotografia di Franco Gremignani10_Maria Callas con Aristotele Onassis. La settimana Incom illustrata, 12 gennaio 196118_Maria Callas nell'opera La Traviata riceve gli applausi sul palcoscenico Palacio de Bellas Artes (Ópera Nacional), Mexico City 17 luglio 1951.09_Maria Callas come Imperatrice d’Egitto all’Imperial Ballo al Waldorf Astoria, New York 15 gennaio 195722_Ritratto fotografico di Maria Callas by Jerry Tiffany, New York 1958. Collezione Ilario Tamassia23_Ritratto fotografico di Maria Callas con dedica a Giovanni Battista Meneghini, 1947 23_Ritratto fotografico di Maria Callas con dedica a Giovanni Battista Meneghini, 194719_Nicola Benois, Figurino per Tosca (Callas), atto I, 1975. Collezione privata 19_Nicola Benois, Figurino per Tosca (Callas), atto I, 1975. Collezione privata21_Nicola Benois, Ritratto di Maria Callas in Tosca, 1975. Collezione privata

You may also like

5 comments

Camilla 11/03/2016 at 12:54 pm

Davvero un mito la Callas, mi piacerebbe riuscire a vedere la mostra!

XOXO

Cami

Paillettes&Champagne

Reply
Federica Spinelli 11/03/2016 at 4:39 pm

Uau deve essere una splendida mostra, lei è veramente un’icona! baci
Federica – Cosa Mi Metto???

Reply
elisa 11/03/2016 at 8:09 pm

un mito e una voce indimenticabile!

Reply
Il tocco glam 11/03/2016 at 9:24 pm

Sarà una mostra meravigliosa! Ne sono certa

Carmen
Il tocco glam

Reply
thechilicool 12/03/2016 at 5:05 pm

Una vera diva!
Alessia
THECHILICOOL

Reply

Leave a Comment

Translate »